CCIAA Torino: Bando voucher SPRINT 2020

Con il bando S.P.R.I.N.T. (Sostegno Progetti Ripartenza Imprese & Nuove Tecnologie) 2020 la Camera di commercio di Torino intende sostenere le piccole e micro imprese del territorio nell’affrontare la situazione di crisi causata dall’emergenza COVID-19, favorendo la continuità delle attività nel periodo di lockdown e la ripresa delle stesse nel periodo successivo.

Il bando prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto (voucher) finalizzati a sostenere investimenti e spese in tecnologie digitali, hardware, software, accessori, applicativi e servizi specialistici che consentano alle imprese beneficiarie di:

  • garantire la continuità dell’attività aziendale mediante l’adozione di nuovi modelli organizzativi, in particolare smart working e telelavoro, incluse attrezzature e strumenti per garantire la sicurezza in ambito aziendale
  • sviluppare soluzioni di e-commerce

Possono presentare domanda ai sensi del presente Bando le microimprese e le piccole imprese per richiede il voucher a copertura del 50% delle spese sostenute e ritenute ammissibili, con un importo massimo del voucher pari a euro 3.000,00. L’investimento minimo per partecipare al bando è fissato in euro 1.500,00; non è previsto invece un tetto massimo dell’investimento, fermo restando che l’importo del voucher non potrà superare 3.000 euro. Gli aiuti di cui al presente bando sono concessi in regime “de minimis”

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. spese per acquisto di notebook, tablet e altri device purché finalizzati al lavoro a distanza; spese per l’acquisto di tecnologie e servizi (anche sotto forma di abbonamento) in cloud in grado di garantire forme di collaborazione a distanza; spese per acquisto e installazione VPN, VoiP, sistemi di Backup / ripristino dei dati;
  2. spese per software per servizi all’utenza (es. siti web, app, integrazioni con provider, servizi di pagamento, piattaforme di e-commerce e sistemi di delivery, ecc.),
  3. spese per acquisto di strumentazione e servizi per la connettività (es. smartphone, modem e router Wi-Fi, switch, antenne, etc.)
  4. Spese di consulenza e di formazione strettamente connesse agli investimenti precedenti
  5. Spese di consulenza e formazione per la messa in sicurezza delle strutture aziendali, necessarie per allinearsi alle norme in tema di gestione dell’emergenza sanitaria collegata al Covid-19 ivi comprese quelle per la revisione/integrazione di DVR aziendale, valutazione del rischio biologico e l’integrazione del manuale HACCP;
  6. materiale per delimitare spazi e marcare distanze di sicurezza; barriere separatorie (schermi in vetro, pannelli in plexiglass, …);
  7. strumenti per la misurazione della temperatura corporea (termometri, termoscanner, …) delle persone che entrano in contatto con la struttura (dipendenti, fornitori, clienti, …) e sistemi di controllo accessi;
  8. materiale segnaletico e informativo.

I servizi di consulenza o formazione non possono in nessun caso ricomprendere le seguenti attività:

Sono ammissibili le spese sostenute a partire dal 23/02/2020 fino al 22/06/2020 (data chiusura del bando).

È prevista una procedura a sportello valutativo, secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda che può essere presentata con modalità telematica attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere, dalle ore 12.00 del 20/05/2020 alle ore 17.00 del 22/06/2020.

Leave a comment